Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia

I servizi sanitari, infermieristici, assitenziali e del fisioterapista

La centralità dell'attività dell'Asp sono certamente i servizi assistenziali e sanitari. Al momento dell'ingresso di ogni ospite il Coordinatore, gli infermieri e il personale di assistenza si fanno carico di tutti i suoi bisogni di carattere sociale, assistenziale e sanitario. Vengono da subito predisposte, con il coinvolgimento del medico di medicina generale, la cartella clinica, la scheda della terapia e la scheda socioassistenziale, insieme alla documentazione specifica in relazione alle diverse problematiche. Inoltre in accordo con gli indirizzi ed i protocolli regionali sull'assistenza agli anziani viene eseguita la valutazione multidimensionale VAL.GRAF (VALutazione GRAFica), ove oltre allo stato oggettivo delle problematiche e dei bisogni vengono valutate le risorse e le potenzialità residue della persona, tutto al fine di costruire per ciascun ospite un Piano di Assitenza Individuale personalizzato e coordinato di interventi.

Le prestazioni assistenziali di assistenza e cura alla persona vengono garantite ed erogate per tutto l'arco delle 24 ore della giornata. Sono infatti sempre in servizio almeno due operatori di assistenza che aiutano gli ospiti a soddisfare i seguenti bisogni:

  • l'igiene personale quotidiana, che viene generalmente eseguita al mattino e in ogni altro momento della giornata in cui se ne verifichi l'esigenza;

  • il bagno completo, svolto in appositi locali attrezzati, o la spugnatura a letto a seconda delle problematiche dell'ospite;

  • il cambio della biancheria e del vestiario personale a seconda delle necessità;

  • il cambio dei prodotti monouso e della biancheria agli ospiti incontinenti secondo un programma personalizzato od al bisogno;

  • il rifacimento dei letti con la sostituzione della biancheria piana;

  • l'alternanza delle posture agli ospiti allettati al fine di prevenire il rischio di lesione da decubito;

  • l'accompagnamento in bagno al fine di mantenere il più a lungo possibile l'autonomia;

  • l'idratazione con bevande calde e/o fredde ed il controllo della stessa per gli ospiti problematici;

  • l'aiuto all'assunzione dei pasti, ove necessario;

  • la stimolazione alla deambulazione e alla socializzazione;

  • l'accompagnamento negli spazi comuni, quali la sala comunitaria e di animazione, i soggiorni, la sala da pranzo ed il giardino;

  • agevolazione del riposo a seconda delle necessità e peculiarità della persona.

Nello svolgimento delle funzioni descritte l'operatore socio-assistenziale osserva le condizioni dell'ospite sia fisiche che di umore e comunica all'infermiere eventuali modificazioni e problemi emergenti. Tutte le attività non sono limitate alla mera esecuzione pratica ma sono associate a momenti di interscambio relazionale con l'obiettivo di instaurare un legame di fiducia ed empatico.

Le prestazioni infermieristiche sono erogate per 8 ore giornaliere da personale qualificato regolarmente iscritto all'albo professionale e consistono nelle seguenti attività:

  • accoglimento ed inserimento dell'ospite in struttura con l'informazione sui vari servizi erogati dalla struttura. Ove necessario si occupa di informare/educare l’ospite stesso ed i parenti con la finalità di correggere modi e stili di vita scorretti;

  • terapia farmacologica: l’infermiere si occupa della somministrazione dei farmaci prescritti dal medico, per via orale, endovenosa, intramuscolare, sottocutanea, topica rispettando gli orari prestabiliti;

  • medicazioni: dopo aver valutato con il medico, l’infermiere provvede alla medicazione di ferite, ulcere, lesioni da decubito;

  • programmazione di visite esterne ed esami: quando necessario, su richiesta del medico di reparto o dell’ospite stesso, si prenotano visite ed esami presso i vari servizi del Distretto o delle Aziende Ospedaliere/Sanitarie;

  • prelievi per esami ematochimici e raccolta di campioni per esame urine, feci, ecc.;

  • ritiro dei referti;

  • posture e mobilizzazioni: in collaborazione con i fisioterapisti, gli infermieri si occupano di segnalare il fabbisogno di materiale necessario alla deambulazione (girelli, carrozzine) e di presidi antidecubito. Gli infermieri organizzano e controllano i programmi di mobilizzazione per gli ospiti a rischio di lesioni da decubito e le alzate;

  • sorveglianza sull'attività assistenziale al fine che venga garantito l'utilizzo di tecniche e metodologie corrette applicando procedure, protocolli, linee guida. Inoltre l'infermiere partecipa all'inserimento e alla formazione del nuovo personale;

  • approvvigionamento: a cadenze prestabilite l’infermiere si occupa di rifornire il materiale necessario nel proprio reparto (farmacia, magazzino, cancelleria, materiale monouso). Inoltre segnala eventuali guasti e necessità di manutenzione della struttura.

Il servizio medico comprende la diagnosi delle patologie e la prescrizione della terapia; in caso di ricovero ospedaliero dell’ospite, il personale medico assicura un costante contatto con la struttura ospedaliera. Il Medico di Medicina Generale (M.M.G). interviene al bisogno nel caso di visite urgenti ed, una volta alla settimana, è presente in struttura nell'ambulatorio medico-infermieristico per l'attività ordinaria. A tutti gli ospiti viene garantito inoltre l'accesso a visite mediche specialistiche, esami clinici o di laboratorio esterni alla struttura. E' cura del personale interno, su prescrizione medica, attivare sia la prenotazione che le prestazioni di supporto e accompagnamento. E' presente il servizio del fisioterapista per 6 ore settimanali.

Il servizio di riabilitazione viene svolto due volte alla settimana per un totale di 6 ore da personale in possesso di idonea qualifica ed è rivolto a tutti gli ospiti le cui problematiche rendono necessario l'intervento professionale del fisioterapista. Le prestazioni sono così riassunte:

  • collaborazione con i medici di medicina generale ed i fisiatri nella valutazione clinico-funzionale, nell’individuazione degli obiettivi riabilitativi e nella stesura del programma riabilitativo degli ospiti e, al bisogno, nella rivalutazione degli obiettivi;

  • collaborazione con il personale infermieristico ed assistenziale nell'individuazione dei bisogni riabilitativi, ai quali fornisce supporto professionale sulla correttezza delle posture, sulle manovre di mobilizzazione, sull'utilizzo dei sollevatori e degli ausili sulle posture;

  • Attività di deambulazione assistita avente l’obiettivo del mantenimento delle capacità residue e della prevenzione della sindrome da immobilità;

  • Attività di mobilizzazione articolare passiva, attività di deambulazione assistita, di riabilitazione e mantenimento funzionale quali rinforzo muscolare, kinesi passiva attivo-assistita ed attiva e rieducazione funzionale;

  • Valutazione delle necessità e della tipologia di ausili in collaborazione con il fisiatra, il medico di reparto, gli infermieri e gli operatori assistenziali; colloqui con i familiari degli ospiti, compilazione delle richieste di ausili, contatti con i tecnici ortopedici e gli uffici assistenza protesica delle aziende per i servizi sanitari;

  • gestione e piccola manutenzione degli ausili e collaudo degli stessi.

torna all'inizio del contenuto